I vostri scritti per il Coaching

I vostri scritti per il Coaching

Come dico sempre la condivisione è importante e utile. Per questo invito gli amici di Studio Coach a inviare contributi, racconti, esperienze.

Ho il piacere di inserire nel blog l’esperienza di Fabio, così come l’ha raccontata a me attraverso un breve racconto.

Chissà che anche tu non ci trovi qualcosa che ti appartiene.

“C’è un disoccupato over 40, un pesce e un corso di formazione….. ” di Fabio P.

Ma questa è una storia che non fa ridere perchè quando si è disoccupati over 40 per ricollocarsi le si provano tutte. Ad esempio frequentare corsi di formazione per rendersi più appetibili. Per colmare un gap che il più delle volte è solo immaginario. A meno che il corso non trasferisca una competenza indispensabile per svolgere una determinata professione effettivamente richiesta dal mercato del lavoro e quindi sia mirato, spesso la faccenda rischia di diventare un pericoloso gioco di attese, appostamenti, rinunce, cambi di rotta che non porta a nulla.

Anzi no, questo non è del tutto vero. Porta aspettative deluse, ansie, stress, frustrazione.

Un po’ come inseguire un pesce durante una battuta di pesca subacquea. Metafora incomprensibile? State a sentire. A 18 anni mi immergo con muta, maschera, pinne e fucile subacqueo tra le scogliere di Ponza. Mi adagio sul fondale dietro uno scoglio, immobile come un relitto e aspetto. Avvisto una preda: un bel pesce, forse una cernia. Mi osserva incuriosita ma finchè non si mette orizzontale non posso sparare. Ho un colpo solo e il bersaglio non garantisce successo. L’obiettivo si muove e lo seguo pinneggiando lentamente, con il braccio teso e la fiocina puntata. Si mette di tre quarti, bersaglio accettabile, via la sicura, sto per tirare il grilletto ma si infila in una tana. La vedo, ma il colpo è impossibile. Rinuncio e aspetto. Esce da un’apertura laterale. Riprendo l’inseguimento. Stavolta decido di sparare appena l’avrò a tiro. E invece le contrazione diaframmatiche mi ricordano che sono sotto da più di un minuto. Risalgo di corsa con i polmoni che scoppiano e le orecchie che soffrono. La mezz’ora successiva la passo abbracciato alla boa di segnalazione tremante come una foglia. Nessuno a parte me e quel pesce ha mai saputo che ci stavo lasciando la pelle per cercare il tiro giusto. Almeno fino ad oggi.

Avatar

Carla Benedetti

Ho intrapreso gli studi e la professione di coach dopo quindici anni di attività nel management, nelle Risorse Umane e nella gestione di piccole imprese in Italia e all’estero. Credo fermamente che ogni singolo individuo possa dare il suo contributo a quel cambiamento culturale che renderà il mondo migliore.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l’invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l’utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy policy

OK