Di quanti amici ho bisogno

Di quanti amici ho bisogno

Da un articolo di Wired.it il numero massimo di amici su Facebook è 150.

Io sono a quota 100, da un po’.

Quelli che frequentano Facebook, sanno che è una cifra patetica. Ho “amici” che viaggiano su quote di 1200 e anche più di 2000. Tutti quelli che non frequentano FB non capiscono di cosa stia parlando e troveranno questo pensiero comunque patetico.

Io, a essere sincera, sono orgogliosa dei miei 100. Intanto è un bel numero tondo, meno impressionante di 1000, ma decisamente più autorevole di 10.

Ci sono arrivata scremando, scegliendo, qualche volta lasciando andare.

Come si fa a lasciare andare? Basta un click, un doppio click di conferma e via. Si è liberato uno spazio. E’ così facile lasciare andare un “amico”? Purtroppo su FB è così.

Certo c’è un momento in cui un piccolo senso di tradimento sembra prevalere. Quel momento di conflitto tra il primo click e la conferma di abbandono. Ma è un scelta da fare e va fatta. Mi consola sapere che quelli che hanno più di mille amici, neanche se ne accorgono.

Nello stesso modo qualcuno può lasciare andare me, e avrà le sue buone ragioni virtuali che io accetto e “condivido”. E’ cinico ? No, è social networking consapevole. Potrebbe addirittura diventare una nicchia su cui specializzarsi.

Per ora mi occupo dei miei 100, una piccola tribù di persone interessanti. Ognuno di loro ha una passione, che seppure non sempre condivido, mi affascina.

C’è chi posta notizie sul buon cibo: ricette, foto, eventi e dritte su dove andare a trovare cose gustose e prelibatezze in giro per l’Italia.

Chi si occupa di marketing, comunicazione, advertising. Loro mi fanno scoprire innumerevoli canali creativi e alternativi molto stimolanti e con effetti sorprendenti sulla mia stessa creatività.

Ho un’amica appassionata di musica che posta video con una costanza da maratoneta.  Non fosse per lei, quanti gruppi della scena musicale internazionale mi resterebbero oscuri.

Ho un amico critico cinematografico con una ironia insolita per un critico cinematografico, insolita in generale, che lascia recensioni poetiche miste a commenti politici piuttosto radicali. Anche questi devo dire scritti con una certa poesia.

Ho alcuni amici praticanti yoga kundalini che generosamente condividono mantra e spiritualità. La pratica quotidiana mi porterà all’eccellenza e loro di tanto in tanto me lo ricordano.

E poi ho i colleghi coach con cui scambio opinioni e riflessioni serie mescolate a ricercatezze dal web. Ogni tanto una pacca sulla spalla, che non guasta mai, qualche volta un silenzio, anche quello utile.

Ho amici che commentano poco e poco si raccontano, altri grafomani che amano mostrare tutto di sé. Ho amici artisti, ho amici che a loro volta hanno amici curiosi, intelligenti e stravaganti.

Ho solo 100 amici perché mi piace seguirli, altrimenti che senso ha. Fossero di più avrei bisogno di un tempo che non ho.

Mi piace ricevere la conferma che il mondo è fatto anche di queste persone straordinarie, che non sono virtuali. Sono persone con un nome, una storia e storie da raccontare. E sono dappertutto, a ogni angolo della nostra vita. Bisogna solo guardare per vederle. Bisogna solo avere voglia di connettersi, anche con chi sembra diverso da noi, ma non per questo meno vicino.

La mia piccola tribù di 100 me lo ricorda ogni giorno e per questo mi piace seguirla.

E tu, di quanti amici hai bisogno?

 

Avatar

Carla Benedetti

Ho intrapreso gli studi e la professione di coach dopo quindici anni di attività nel management, nelle Risorse Umane e nella gestione di piccole imprese in Italia e all’estero. Credo fermamente che ogni singolo individuo possa dare il suo contributo a quel cambiamento culturale che renderà il mondo migliore.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l’invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l’utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy policy

OK